attenzioni dolorose

La storia di M. è una storia di ricerca. La ricerca di attenzioni dolorose da parte di compagni che ci fanno dubitare del nostro stesso equilibrio psichico.

E’ la sua, la medesima di tante donne, che, a diversi livelli di intensità, di rischio, umiliazione e pericolo, sembrano avere una capacità particolarmente sviluppata nel cercare (e trovare) uomini che le tratteranno male. Carnefici.
Ricordo frasi dei miei maestri che ripetono nell’aria “non ci sarebbe Romeo senza Giulietta, non esisterebbe Lancillotto senza Ginevra”.

Non ci sarebbe Carnefice se non ci fosse Vittima...

Leggi di più...

Condivisione: perchè NSC è “fatto” dalle persone

condivisione

Vorrei insistere sul perchè non esisterebbe nulla di tutto questo se non fosse per lo spirito di condivisione e per la generosità umana  delle persone che ho/abbiamo attorno.

1) Se si ha il coraggio, o meglio, se non si ha paura di chiedere, ci si accorge che ci sono molte persone che ci circondano in grado di aiutarci, di mostrarci strade assolutamente nuove e di contribuire alla nostra crescita (e parlo io per prima, che senza Silvia avrei fatto ben poco e che assillo senza soluzione di continuità la competenza mediatica di Emanuela)

2) Non appena il sito è andato online, ho avuto una se...

Leggi di più...

Paura della Autorita’

La Paura della Autorita’ capita a molti e spesso non si tratta di ragazzini, ma di persone adulte che, camuffandola, se la portano dietro nella vita di tutti i giorni. Capita a molti di vivere  con forte disagio la presenza di una figura autorevole (e talvolta autoritaria). Può capitare di provare ansia all’idea di incontrare il capo o ci si mostra con un atteggiamento sottomesso e compiacente di fronte a chi viene considerato “superiore” a se stessi.  Tengo a porre in evidenza il concetto di superiorità VS inferiorià, in quanto una percezione implica necessariamente l’altra, come se la p...

Leggi di più...

Fiducia Tradita: quanto c’è di nostro?

fiducia tradita

Le relazioni umane che superano il livello di superficiale conoscenza, fino a strutturarsi in un legame solido, sia esso d’amore o di amicizia, subiscono violenti scossoni e a volte si rompono senza possibiltà di rimedio alcuna, nel momento in cui viene tradita la fiducia. Ma che cos’è la fiducia?

Secondo Antonio Mutti, può essere definita «come un’aspettativa di esperienze con valenza positiva per l’attore, maturata sotto condizioni di incertezza, ma in presenza di un carico cognitivo e/o emotivo tale da permettere di superare la soglia della mera speranza»: in pratica diamo fiducia perché ...

Leggi di più...

Suicidio giovanile. Esistono alternative?

suicidio giovanile

Stamattina sono stata svegliata da una notizia che per i milanesi è sempre meno shockante. Una persona che si getta all’arrivo della metropolitana.
La cosa che mi turba, è che le persone spesso (soprattutto quelle che prendono i mezzi) ne risultano scocciate. I ritardi in ufficio, le attese accalcate.
“Ma non poteva ammazzarsi senza rompere le scatole allo scorrere della metropoli?”
Questo commento mi suona familiare e allo stesso tempo mi fa rabbrividire.
Specialmente se vado a informarmi e scopro che a farlo non è un anziano, ma una ragazza di 19 anni.
E la testa mi si riempie di pensieri...

Leggi di più...

Crescere i figli da soli: fra difficoltà e bisogni

crescere i figli da soli

Quanto sia difficile crescere i figli da soli , quando in qualche modo si vuole cercare di continuare a lavorare, è un tema attuale quanto il tema della disoccupazione. Spesso anzi, le cose vanno a sommarsi in un ingranaggio a spirale che complica entrambi i poli del problema. Sempre più alto è il numero di coppie che non hanno la disponibilità di contare sui nonni, perché lontani, o perché ancora giovani e quindi a loro volta impegnati in lavori che lasciano poco spazio alla cura dei tempi infantili. Ricordo come da bambina io avessi la nonna che mi portava a ginnastica e a catechismo...

Leggi di più...

Essere soli o sentirsi soli?

pensiero

Capita a volte di trovarsi in una casa vuota, in una condizione di fisica solitudine, e improvvisamente sentirsi liberi. Di girare nudi, di agire come vorremmo, di perdere tempo o di ordinarsi quella pizza che tanto ci piace. La solitudine diventa un “finalmente io”. Una boccata d’aria che proprio ci voleva. Un momento per stare in contatto con noi e scegliere “come se” non si dovesse rendere conto a nessuno della nostra natura.

Per altri la casa vuota diventa luogo ostile, noioso, che pretende che qualcosa venga fatto, ma privandoci della forza per azionarci: perché perdere tempo a cucinare s...

Leggi di più...
ferita

Cosa significa “riparare alle ferite con l’oro“, “riparare alle ferite con la ricchezza interiore“?

Quando subiamo una ferita o una delusione profonda, ci troviamo di fronte a un bivio: occultare l’integrità perduta o esaltare la storia della ricomposizione?

Un giorno con il mio terapeuta (ricordiamo che i counselor devono sempre intraprendere un percorso di psicoterapia e supervisione), affrontai temi comuni a noi tutti: le delusioni, le ferite, la fine, la rottura.
Parlavo dell’evento che mi aveva colpita con molto coinvolgimento e amarezza… come di un età dell’oro persa per sempre, perché ...

Leggi di più...