Cosa trattiamo

di_cosa_ci_occupiamoE’ importante chiarire cosa trattiamo e di cosa ci occupiamo.

Il mondo del counseling è molto vasto. Dal counseling filosofico al counseling ecologico, in ogni convegno scopriamo counseling di provenienza teorica variegata checi inducono stimoli di riflessione.

Esistono perfino di gruppi missionari che portano il counseling ma soprattutto speranza in zone dimenticate (o sconosciute) dalla maggior parte di noi. E li ringraziamo.

Noi crediamo che sia importante focalizzarci su ciò che ci sta a cuore; non quindi con l’intento di fare e arrivare dappertutto, ma di dedicarci a ciò in cui siamo effettivamente competenti e affezionati. Il counselor non può evitare di essere attraversato dalle storie che ascolta, dalle persone che conosce in profondità, ma anche dalle emozioni che passano in un gruppo di uditori, anche se la forma dell’intervento assomiglia molto a quella della formazione d’aula. Ma con molta partecipazione intima in più, che non ci lascia mai indifferente. La sera, dopo un incontro, siamo inevitabilmente gli stessi della mattina ma con molta umanità e apprendimento in più. Siamo “noi + T1”, un Tempo in cui qualcosa è avvenuto e ha aggiunto umanità ad umanità. Allora scegliamo di lasciarci attraversare da ciò che sentiamo più vicini a noi, alla nostra competenza, alle risorse su cui possiamo contare, per dare un effettivo contributo di utilità pratica e di efficacia, a coloro che si affidano a noi.

  • Difficoltà quotidiane della vita privata (ansia, aspettative, autosabotaggi, difficoltà relazionali, insoddisfazione, paura del giudizio…)
  • Sviluppo della persona (autostima, empowerment, gestione delle emozioni e delle risorse,…)
  • Supporto nella ricerca di lavoro (orientamento per giovani, ricollocamento per disoccupati, supporto nella mappatura delle occupazioni coerenti con i tratti di personalità …)
  • Transizioni di vita (pensionamento, passaggi importanti di coppia, maternità, licenziamento, lutto, …)
  • Dinamiche aziendali (produttività, efficienza, clima, controculture, comunicazione efficace, leadership percepita, autoefficacia, …)
  • Temi più ampi di portata sociale (maltrattamenti, dipendenze, detenzione e reinserimento, adolescenti a rischio, bullismo, ….)