Archivio mensile Novembre 2015

permesso

Molto spesso mi capita di incontrare Clienti che riportano di non riuscire a fare qualcosa di funzionale per la loro vita adulta (funzionale = comportamento/atteggiamento utile e appropriato), o di non riuscire a evitare di mettere in essere qualcosa di disfunzionale alla loro vita adulta (disfunzionale = comportamento/atteggiamento che non riscolve la situazione, ma mantiene vivo il problema).

Mentre li sento parlare avverto una sorta di Genitorialità Interna nel Cliente che in qualche modo gli impedisce tale riuscita, ponendo degli impedimenti. Impedimenti che la persona avverte come diviet...

Leggi di più...
riunione

Non è la prima volta che mi capita di parlare in ambito aziendale con dirigenti i quali mi riportano la problematica più incalzante: la sensazione di non riuscire a gestire il tempo nonostante si pianifichi ogni singolo istante della giornata di lavoro, quasi in base a una carta rigidamente millimetrata. La sensazione è quella di rincorsa e affanno, di chiudere la giornata con la soddisfazione di aver fatto tanto, ma l’inquietudine di non aver fatto tutto. E tutto sommato, basterebbe che la giornata offrisse quelle 4 ore in più… che tutto andrebbe a posto...

Leggi di più...

Le Madri che sono ancora Figlie

madri

Un giorno uno dei miei maestri mi disse: “si nasce Bambini, si diventa Adulti e a quel punto si può diventare anche Genitori” (ho messo le maiuscole per dare importanza al ruolo, e non mi sto riferendo agli stati GAB dell’analisi transazionale). Questa frase mi colpì molto, perchè io ero in procinto di diventare MAMMA, ma in fondo mi sentivo non tanto “bambina”, quanto profondamente FIGLIA...

Leggi di più...
noia

La noia è un’emozione caratterizzata da un senso di vuoto, di lentezza e di inutilità spesso associato all’immobilità e alla procrastinazione (cit. Secci).

Se fosse un colore? Il grigio
Se fosse una persona, come me la descriveresti? No… non sarebbe mai una persona, sarebbe piuttosto una nebbia, una foschia, un silenzio tombale.

L’annoiato sperimenta uno stato di sospensione psicologica che non solo costringe la sua percezione di se stesso a un vissuto di insoddisfazione, ma che lo porta ad attribuire al Tempo una mancanza di senso, avvolto da polvere di tristezza...

Leggi di più...